Teatro Niccolini
30 Mar 2016 - 3 Apr 2016
di Pau Mirò
con Enrico Ianniello, Tony Laudadio, Marcello Romolo, Luciano Saltarelli
collaborazione artistica Simone Petrella
traduzione e regia Enrico Ianniello
costumi Francesca Apostolico
suono Daghi Rondanini
direzione tecnica Lello Becchimanzi
produzione Teatri Uniti
in collaborazione con Onorevole Teatro Casertano | Institut Ramon Llul
sede dell'evento Teatro Niccolini, Via Ricasoli 3 - Firenze
Orari 21.00, domenica 16.45
Prezzi Platea e I° ordine di palchi
Intero € 15
Ridotto € 13 (Over 60, Under 26, Soci UniCoop Firenze, Abbonati Teatro della Toscana, Pergola Card)

Palchi II° e III° ordine
Intero € 12
Ridotto € 10 (Over 60, Under 26, Soci UniCoop Firenze, Abbonati Teatro della Toscana, Pergola Card)

Premio Ubu 2013 Miglior testo straniero

Napoli e Barcellona ancora una volta unite in teatro da Enrico Ianniello nel primo allestimento in Italia di Jùcature (Giocatori) di Pau Mirò, vincitore del premio Butaca 2012 per il miglior testo in lingua catalana e messo in scena con successo due stagioni fa a Barcellona con la regia dello stesso Mirò al Teatre Lliure diretto da Lluís Pasqual.

In scena quattro uomini, interpretati da Enrico Ianniello, Tony Laudadio, Marcello Romolo e Luciano Saltarelli, condividono tragicomiche frustrazioni e fallimenti giocando a carte, in attesa di un ultimo estremo guizzo vitale. In un vecchio appartamento, intorno a un tavolo, sotto una lampada, quattro uomini, un barbiere, un becchino, un attore e un professore di matematica, giocano a carte. I soldi sono spariti da tempo, come qualsiasi possibilità di successo personale. L’appartamento è un rifugio dove tutti i fallimenti sono accettati, permessi. Il fallimento è la regola, non l’eccezione. Ma proprio sul punto di toccare il fondo, i quattro decidono di rischiare il tutto per tutto, rouge et noir, e allora il gioco si fa pericoloso.

Anche in questa occasione, come nella fortunatissima esperienza di Chiòve, (riadattamento napoletano della messinscena catalana Plou a Barcelona trapiantata da Barcellona ai Quartieri Spagnoli di Napoli, per la regia di Francesco Saponaro, sempre con la traduzione di Enrico Iannello), Jùcature è ambientato a Napoli “anche se questa volta – sottolinea il regista – si tratta di un’ambientazione esclusivamente linguistica, senza riferimenti geografici precisi, un’assenza di collocazione che mi pare una cifra fondamentale dei quattro personaggi raccontati da Mirò: uomini di “mezz’età”, come si suol dire (quindi senza un’età che li descriva), senza nome (sono definiti dalla loro professione), senza lavoro e senza un vero amore che li faccia bruciare di passione. Maschere grottesche che si incontrano, in tempo di crisi, per mettere in gioco l’unico capitale che hanno a disposizione: la loro solitudine, la loro ironia, la loro incapacità di capire”.

Scopri tutti gli spettacoli de I Teatri Uniti in Toscana

Sfoglia il catalogo de I Teatri Uniti in Toscana

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook