Teatro Niccolini
19 Mag 2020 - 24 Mag 2020
iNuovi
di Vasco Pratolini
versione scenica iNuovi
coordinamento generale Nicola Fano
con Maddalena Amorini, Maria Lucia Bianchi, Alessandra Brattoli, Federica Cavallaro,Beatrice Ceccherini, Anastasia Ciullini, Davide Diamanti, Fabio Facchini, Ghennadi Gidari, Francesco Grossi, Filippo Lai, Athos Leonardi, Claudia Ludovica Marino, Luca Pedron, Laura Pinato, Vittorio Pissacroia, Nadia Saragoni, Sebastiano Spada, Filippo Stefani, Erica Trinchera, Lorenzo Volpe
assistenti Francesco Grossi e Sebastiano Spada
costumi Laboratorio d'Arte del Teatro della Pergola
scene Federica Elisa Francolini
consulenza musicale Mattia Braghero
direttore di scena Davide Arena
fonico Tommaso Tinti
macchinista Loris Giancola
elettricista Lorenzo Bernini
produzione Fondazione Teatro della Toscana
immagine Walter Sardonini / SocialDesign
luogo Teatro Niccolini | Via Ricasoli, 3 - Firenze
durata 1 ora e 20 minuti, atto unico
Orari ore 21, sabato ore 19 e domenica ore 17
Prezzi Intero
Posto unico 12€

Ridotto - Under26, Over60, Abbonati Teatro della Toscana, Soci Unicoop Firenze
Posto unico 10€

PYC (Pergola Young Card)
8€
Quando:
19/05/2020 - 21:00–22:30
2020-05-19T21:00:00+02:00
2020-05-19T22:30:00+02:00

Le ragazze di Sanfrediano (1949) è uno dei più popolari romanzi di Vasco Pratolini: iNuovi hanno condotto un lungo laboratorio di drammaturgia, guidato da Nicola Fano, per trarne un copione teatrale.

Lo spettacolo è il risultato di questo lavoro: ma non si tratta di un libero adattamento bensì di una scarnificazione ponderata dell’originale. Ossia: tutte le parole del copione provengono dal romanzo di Pratolini, siano esse peculiari delle parti narrative, siano esse tratte dai lunghi dialoghi contenuti nella narrazione. Insomma, uno spettacolo non ‘da’ ma ‘di’ Vasco Pratolini.

L’allestimento – coordinato dallo stesso Nicola Fano – vuole rendere omaggio a un narratore e a una città: rimettendo l’una e l’altro al centro dell’attenzione del pubblico e proponendo, come faceva Pratolini, la città di Firenze come una metafora di un’Italia che stava abbandonando vecchi cliché senza ancora averne, pienamente, identificati di nuovi. Insomma, esattamente come la Firenze e l’Italia di oggi.

Note

Le ragazze di Sanfrediano è una creazione corale: è nata da una mia idea che iNuovi e il Teatro della Toscana hanno subito sposato. I ragazzi, in particolare, se la sono letteralmente cucita addosso, prima con il copione e poi con lo spettacolo. L’ipotesi di partenza era trovare un nostro futuro nel nostro passato: e chi meglio di Pratolini poteva venirci in aiuto? Pratolini è Firenze che si trasforma e si ritrova. Ma non la città attraversata dai turisti, bensì quella della sua gente, con un’identità e una lingua fortissime; per di più, raccontata in un momento (tra la fuga dei tedeschi e la fine della Guerra) in cui era forte la convinzione di dover inventare una nuova solidarietà. Questi sono i temi che abbiamo posto in primo piano: il futuro è fatto di solidarietà, di riscoperta della comunità. Perché, in fondo, Le ragazze di Sanfrediano – raccontando un gruppo di giovani donne che si ribellano al becero gallismo di un inetto – suggerisce la possibilità di affrontare e superare i problemi facendo gruppo. Ciò che dovremmo fare di più, oggi, in Italia.”

Nicola Fano