PRODUZIONI

Un confronto costante con la creazione contemporanea, che generi soprattutto opportunità per i giovani: questo l’obiettivo principale degli accordi di coproduzione che nel suo intenso lavoro di diplomazia culturale il Teatro della Toscana stringe con i grandi centri creativi ai quattro angoli del mondo. Ogni spettacolo alla cui costruzione la Fondazione partecipa è, prima di ogni altra cosa, un’occasione per i giovani, intesi come artisti o pubblico in formazione. Il contatto con nomi importanti della scena d’oggi genera curiosità, voglia di scoprire, crescita. Un processo che coinvolge tutti, e del quale lo spettacolo è solo l’accadimento più evidente; e anche un modo, per la Fondazione, di rendersi presente in maniera importante al di fuori dei propri confini.

6 Ott 2019 - 9 Feb 2020 JUNGLE BOOK

TOURNÉE 2019

Parigi
(Francia)
Téâtre de la Ville
Le 13ème Art
6/10 – 8/11/2019
Düsseldorf
(Germania)
Düsseldorfer Schauspielhaus 2/12/2019
Aix-en-Provence
(Francia)
Grand Théâtre 17 – 22/12/2019

TOURNÉE 2020

Clermont Ferrand
(Francia)
La Comédie de Clermont 22 – 24/1/2020
Anversa
(Belgio)
deSingel 7 – 9/2/2020

 

Il visionario regista Robert Wilson unisce le forze con il surreale duo folk Cocorosie – è la loro quarta collaborazione in teatro – per un’entusiasmante rivisitazione del famoso romanzo di Kipling Il libro della giungla. Jungle Book è un progetto avviato dal Théâtre de la Ville di Parigi, coprodotto dal Teatro della Pergola di Firenze, presentato in anteprima mondiale al Grand Théâtre du Luxembourg il 26 aprile 2019 e che debutterà a Firenze nella prossima stagione. Un cast di giovani musicisti / interpreti abiterà gli splendidi paesaggi di Wilson e il suono unico delle Cocorosie in un produzione di teatro musicale pensata per il pubblico e le famiglie giovani.

Il romanzo di Kipling ha avuto infinite rappresentazioni nel corso degli anni. Il mondo che Kipling ha creato ha intrattenuto generazioni di bambini e adulti che hanno scoperto questo classico indimenticabile nelle sue numerose rappresentazioni artistiche. Le parole dello scrittore britannico si materializzeranno attraverso la capacità di Wilson di creare visioni inaspettate e astratte che spesso guardano il mondo attraverso gli occhi di un bambino. Quando gli è stato chiesto di dirigere Jungle Book, Wilson ha dichiarato: “Jungle Book è un’opera per tutte le età. Mi è sempre piaciuto quello che Baudelaire diceva: “Il genio non è altro che l’infanzia riconquistata a piacimento”.

Il suono e il testo unici delle Cocorosie riporteranno la storia molto nota del viaggio di Mowgli tra i suoi amici animali nella giungla, ricreando un mondo di fantasia e realtà in un’altra forma che contribuirà a mantenere immortale Il libro della giungla allo stesso modo come i racconti di Esopo, La Fontaine, Andersen e Perrault hanno incantato le persone per secoli.

Robert Wilson si rivolge a tutte le età della vita illuminando la saga immaginata da Rudyard Kipling. Un inimitabile teatro totale.

Un sogno comune guida la creazione di Jungle Book di Robert Wilson, uno spettacolo per tutte le età, una favola sull’umanità e un inno alla differenza. Uno spettacolo che spiegherebbe tutto il genio di questo artista unico come un manifesto di ciò che il Théâtre de la Ville e il Teatro della Pergola difendono in termini di creazione per tutto il pubblico.

Robert Wilson non è sempre stato qualcosa di estraneo all’infanzia, ma è probabilmente una delle prime volte che lo affronta direttamente. Il romanzo di Kipling ha avuto molti adattamenti e il suo universo ha deliziato generazioni di bambini e adulti, ma qui tutto è rinato, grazie alla visione unica di Robert Wilson, alla sua arte di immagini inaudite e astratte, al suo accordo con la coppia CocoRosie la cui colonna sonora illumina questo teatro musicale e totale.

22 Mag 2019 - 3 Nov 2019 MARY SAID WHAT SHE SAID

TOURNÉE 2019

Parigi
(Francia)
Téâtre de la Ville
Espace Cardin
22/5 – 6/7/2019
Amsterdam
(Olanda)
Internationaal Theater Amsterdam 19 – 22/9/2019
Amburgo
(Germania)
Thalia Theater 27 – 28/9/2019
Madrid
(Spagna)
Centro Dramatico Nacional 4 – 6/10/2019
Firenze
(Italia)
Teatro della Pergola 11 – 13/10/2019
Lione
(Francia)
Célestins
Théâtre de Lyon
30/10 – 3/11/2019

Un nuovo importante incontro tra Robert Wilson e Isabelle Huppert.
Sempre innovativo, in Mary Said What She Said Wilson offre alla grande Huppert, accompagnata dalle musiche originali di Ludovico Einaudi, il trono della Regina di Scozia e Francia Maria Stuarda, che perse la corona a causa delle sue passioni.
Vita e tormenti, tra gloria, prigione e omicidi, di una donna che ha combattuto le forze della storia per controllare il suo destino.

Spettacolo in francese con sovratitoli


11 OTTOBRE 2019 | ORE 15.30
SALA D’ARME – PALAZZO VECCHIO, FIRENZE

Non è soltanto un grande spettacolo internazionale, con una protagonista e un regista d’eccezione, coprodotto dal Teatro della Pergola.
Mary Said What She Said, un’esclusiva italiana voluta e costruita dalla Pergola, rappresenta il “varo” di un progetto unico in Europa: due prestigiose e storiche istituzioni teatrali, come il Théâtre de la Ville di Parigi e il Teatro della Pergola di Firenze, insieme a tante altre confluite intorno a questo asse Italia/Francia, si impegnano fianco a fianco nella progettazione di opportunità rivolte ai giovani, secondo gli intenti espressi dalla Carta 18-XXI, manifesto di principi che mettono al centro quanti hanno compiuto 18 anni nel 2018. Una Carta che esprime la visione di un futuro sociale e culturale realmente europeo, un’occasione per rendere disponibili, per quei giovani, contatti e momenti di confronto ‘non convenzionali’ con maestri e professionisti del mondo dell’arte, della scienza, dell’ambiente.

Sulla base di tali principi, in ambito teatrale si delinea un percorso progettuale e produttivo (vero rischio culturale da parte delle Istituzioni coinvolte) mirato alla preparazione di un attore contemporaneo, sociale, consapevole, europeo. Un percorso che, attraverso scambi e incontri che avranno il loro fulcro negli Chantiers d’Europe parigini (rassegna di teatro volta a stigmatizzare dogmi e frontiere e creare un legame solidale tra generazioni) e vedrà il suo momento più alto nella nascita della Compagnia dei Giovani del Teatro della Pergola, che si misurerà sui palcoscenici italiani e internazionali.

A partire da Mary Said What She Said si avviano inoltre ulteriori percorsi all’interno di una serie di workshop, momenti d’incontro e riflessione tra i giovani artisti e alcuni esponenti di livello internazionale del Watermill Center di New York, fondato dallo stesso Wilson. Questo itinerario ha portato il Teatro della Pergola a intessere relazioni anche con altri compagni di percorso, uniti adesso in una stretta condivisione di intenti: il Teatre Lliure di Barcellona, la Norwegian Theatre Academy, l’ArtEZ University of the Arts di Amsterdam, con i quali si è avviato, sempre per i giovani, uno scambio di esperienze e progetti.

Nel 2020, sempre al Teatro della Pergola, verrà poi allestito Jungle Book diretto da Robert Wilson, in partnership con il Théâtre de la Ville, e vedranno la luce altre produzioni tra le quali i nuovi spettacoli di Dimitris Papaioannou, Euripides Laskaridis e Juan Carlos Martel.

Tutti eventi pensati e progettati secondo i descritti comuni intenti delle istituzioni teatrali europee coinvolte, che saranno presentati nel dettaglio con un incontro pubblico l’11 ottobre alle ore 15.30 in Palazzo Vecchio a Firenze.